Torre del Fico - Memorie Storiche Melyblensi

Cerca
Cu' mancia, fa muddichi.
Vai ai contenuti

Menu principale:

Torre del Fico

Umanistica > Archeologia > Torri d'avvistamento
Fico (Torre della)
Chiamata anche torre della "Fontana della Fico" o più semplicemente la "Fico".

Si trova all'altezza presso il litorale della cittadina di Priolo G., in contrada Fondo della Fico, all'interno dello ex Stabilimento Montedison, poi Enichem, PolimeriEuropa.

Notizie storiche: Agnello, che sotto lo stemma degli antichi proprietari, i marchesi Gargallo, ritrova scolpito l'anno 1688, giustamente dubita che sia quella la data di fondazione; si tratterebbe, infatti di un'"antichissima torre, [...] abbattuta dal terremoto del 1693" [MASSA, V. I, 392], o, più dettagliatamente, di "una torre antica, sulla marina, chiamata la Fico, qual serviva per rifugio di lavoratori e conservazione di alcune cose necessarie a quelli" [CAMILLIANI, I, 298].
Oltre a queste citazioni poche sono, invero le notizie pervenuteci: alcuni parlano di "torre e fortezza" [VILLABIANCA], altri di "locanda e alcune ville de' nobili Siracusani" annesse [ANONIMO, Breve], altri ancora di "Fondaco del Fico" [MARZOLLA]. Durante il secondo conflitto mondiale fu utilizzata dalle truppe alleate, ed in quell'occasione fu abbattuta parte della merlatura.

Visitando la torre si possono notare due età differenti "di cui la più antica è rappresentata dal piano inferiore, dove si riflette un [...] organismo militare alquanto diverso da quello assunto dopo la ricostruzione alla quale appartiene [...] tutto il settore del coronamento, in cui sono più vivaci i riecheggiamenti barocchi" [AGNELLO, Torri, V. I, 50].

Bibbliografia:
S. MAZZARELLA - R. ZANCA, Il libro delle torri, Ed. Sellerio, Palermo, 1983, pp. 282-283.
L. DUFOUR, Castelli, torri e forti del siracusano, Ed. A. Lombardi, Avola, 2000. pp. 64-65.
G. MIGNOSA, Priolo Gargallo. Da borgo feudale a centro industriale, Ed. Marchese, Siracusa, 1960, pp. 20-21.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu