Abramo - Memorie Storiche Melyblensi

Cerca
Cu' mancia, fa muddichi.
Vai ai contenuti

Menu principale:

Abramo

Umanistica > Linguistica > Onomastica > Antropònimi
 
Abramo – Cognome diffuso in tutta Italia, particolarmente in Calabria e Sicilia. In quest’ultima Regione si individua una prevalenza maggiore della sua presenza, sopratutto nel: Catanese, Messinese e Siracusano (Augusta, Lentini, Noto, Priolo Gargallo, Melilli, …). Il cognome ad oggi risulta estinto a Melilli.
E’ un nome proprio di persona proveniente dalle Sacre Scritture.

Varianti e derivati – Abrami, Abriani, Abramino, Abramio, Bramo, Brami, Briano.

Etimologia – Il nome Abramo risale, al greco biblico Άβραάμ ‘Abraàm’ e al latino ecclesiastico Abram e Abraham. Nell’Antico Testamento si trovano due forme diverse:
nella Genesi fino al capitolo XVII°, v. 4, il Patriarca è nominato ‘Abram, ‘Abhrȃm; dal v. 5 in poi cambia in ‘Abraham, Abhȃhȃm, per volere di Dio “Non ti chiamerai più Abram ma ti chiamerai Abraham perché padre di una moltitudine di popoli ti renderò.” [Cit., La Bibbia di Gerusalemme, Ed. Dehoniane, Bologna, 1974, Gen. 17, 6.]. La forma antica ‘Abhrȃm di ugual significato al nome personale ebraico Abhirȃm, presente in altri testi della Bibbia, e dall’assiro – babilonese Abi-rȃmu, verosimilmente con il significato di ‘padre eccelso’, in ebraico nome composto da ‘ab ‘padre’ e rȃm ‘innalzato, eccelso’. La successiva forma ‘Abhȃhȃm è stata interpretata da una etimologia popolare “ȃbh hamôn gôîm”, cioè, ‘padre di moltitudine o tumulto di genti’. [Cfr., C. Tagliavini, Origine e storia dei nomi di persona, Vol. I, Bologna, 1972, p. 344.]

Genealogia – Gli Abramo, di provenienza quasi certamente dalla vicina Augusta, faceva parte di quelle famiglie che componevono la colonia ebraica di Melilli, ormai integrata totalmente al cattolicesimo.
A Melilli del cognome si ha notizia a partire dal XVI° sec. Infatti, tra i giudici del bagliato eletti dai baroni di Bondifè è da ricordare nel 1576 Domenico Abramo. [Vd. M. Rizzo, Melilli. Storia di un paese senza storia, Palermo, 1990, p. 90.]
Dalla Giuliana redatta nel 1816 dal chierico Dott. Vincenzo Rossi Matera si possono ricavare esempi di matrimoni di cui questa famiglia ne fù protagonista. Un Abramo Francesco, figlio di Francesco e Antonia, sposa il 23 febbraio 1653 Vennera Corso; l’anno successivo, il 30 agosto, un Abramo Mauro, figlio di Domenico e Lucia, sposa Sebastiana Roggio; poi un Abramo Blasi, figlio di Mauro e Antonia, il 2 maggio 1655 sposa Lucia Falbo.

Toponomastica Dal cognome non si rilevano corrispondenze toponomastiche nei dintorni di Melilli.

[S. Lanteri, Copyright © 2013 Tutti i diritti riservati.]
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu